Transcription of II,112it
[112] ἐξελθὼν δὴ τοῦ συμποσίου καὶ λόγον γράψας περὶ τοῦ προβλήματος ἀθυμίᾳ τὸν βίον κατέστρεψε. καὶ ἔστιν ἡμῶν εἰς αὐτόν (App. Anth. VII. 19)˙

Κρόνε Διόδωρε, τίς σε δαιμόνων κακῇ
ἀθυμίῃ ξυνείρυσεν,
ἵν' αὐτὸς αὑτὸν ἐμβάλῃς εἰς Τάρταρον
Στίλπωνος οὐ λύσας ἔπη
αἰνιγματώδη; τοιγὰρ εὑρέθης Κρόνος
ἔξωθε τοῦ ῥῶ κάππα τε.

Τῶν δ' ἀπ' Εὐκλείδου ἐστὶ καὶ Ἰχθύας Μετάλλου, ἀνὴρ γενναῖος, πρὸς ὃν καὶ Διογένης ὁ κυνικὸς διάλογον πεποίηται˙ Κλεινόμαχος θ' ὁ Θούριος, ὃς πρῶτος περὶ ἀξιωμάτων καὶ κατηγορημάτων καὶ τῶν τοιούτων συνέγραψε˙ καὶ Στίλπων ὁ Μεγαρεύς, διασημότατος φιλόσοφος, περὶ οὗ λεκτέον.

[112] Uscito dal banchetto, dopo avere scritto intorno ad un problema logico, morì per disperazione. Vi è anche un nostro epigramma: 292*

O Diodoro Crono, quale demone ti costrinse alla mala disperazione così da gettarti nel Tartaro, non avendo saputo risolvere gli enigmatici detti di Stilpone? Ti rivelasti dunque Cronos senza C e senza R. 293*




Seguaci di Euclide sono: Ictias, figlio di Metallo, uomo eccellente, per cui Diogene il Cinico ha composto 294* un dialogo; Clinomaco di Turii, che per primo scrisse intorno alle proposizioni, ai predicati e simili; e Stilpone di Megara, eccellentissimo filosofo, di cui bisogna parlare.