Transcription of V,9it

[9] Τοῦτον πρῶτον Φαβωρῖνος ἐν Παντοδαπῇ ἱστορίᾳ (FHG III. 581) λόγον δικανικὸν ὑπὲρ ἑαυτοῦ συγγράψαι φησὶν ἐπ' αὐτῇ ταύτῃ τῇ δίκῃ καὶ λέγειν ὡς Ἀθήνησιν


ὄγχνη ἐπ' ὄγχνῃ γηράσκει, σῦκον δ' ἐπὶ σύκῳ.

Φησὶ δ' Ἀπολλόδωρος ἐν Χρονικοῖς (FGrH 244 F 38a) γεννηθῆναι μὲν αὐτὸν τῷ πρώτῳ ἔτει τῆς ἐνάτης καὶ ἐνενηκοστῆς Ὀλυμπιάδος, παραβαλεῖν δὲ Πλάτωνι καὶ διατρῖψαι παρ' αὐτῷ εἴκοσιν ἔτη, ἑπτακαιδεκέτη συστάντα˙ καὶ εἴς [τε] Μυτιλήνην ἐλθεῖν ἐπ' ἄρχοντος Εὐβούλου τῷ τετάρτῳ ἔτει τῆς ὀγδόης καὶ ἑκατοστῆς Ὀλυμπιάδος. Πλάτωνος δὲ τελευτήσαντος τῷ πρώτῳ ἔτει ἐπὶ Θεοφίλου, πρὸς Ἑρμίαν ἀπᾶραι καὶ μεῖναι ἔτη τρία˙

[9] Favorino 27* nella Storia Varia sostiene che Aristotele fu il primo a comporre in sua difesa un discorso forense scritto per questo stesso processo e che egli diceva che ad Atene

Pera su pera matura, e fico su fico matura. 28*

Apollodoro 29* nella sua Cronologia dice che Aristotele nacque nel primo anno della XCIX Olimpiade, 30* che s'incontrò con Platone all'età di diciassette anni e si trattenne alla sua scuola per venti anni; e che venne a Mitilene nell'arcontato di Eubulo nel quarto anno della CVIII Olimpiade. 31* Morto Platone nel primo anno di quell'Olimpiade, 32* arconte Teofilo, se ne andò da Ermia e vi rimase tre anni. 33*