Transcription of VI,45it
[45] Θεασάμενός ποτε τοὺς ἱερομνήμονας τῶν ταμιῶν τινα φιάλην ὑφῃρημένον ἄγοντας ἔφη, "οἱ μεγάλοι κλέπται τὸν μικρὸν ἄγουσι." θεασάμενός ποτε μειράκιον λίθους βάλλον ἐπὶ σταυρόν, "εὖγε," εἶπε, "τεύξῃ γὰρ τοῦ σκοποῦ." πρὸς τὰ περιστάντα μειράκια καὶ εἰπόντα, "βλέπωμεν μὴ δάκῃ ἡμᾶς," "θαρρεῖτε," ἔφη, "παιδία˙ κύων τευτλία οὐκ ἐσθίει."


πρὸς τὸν ἐπὶ τῇ λεοντῇ θρυπτόμενον, "παῦσαι," ἔφη, "τὰ τῆς ἀρετῆς στρώματα καταισχύνων." πρὸς τὸν μακαρίζοντα Καλλισθένην καὶ λέγοντα ὡς πολυτελῶν παρ' Ἀλεξάνδρῳ μετέχει, "κακοδαίμων μὲν οὖν ἐστιν," εἶπεν, "ὃς καὶ ἀριστᾷ καὶ δειπνεῖ ὅταν Ἀλεξάνδρῳ δόξῃ."

[45] Una volta vide i ieromnemoni 84* che trascinavano via uno dei custodi del tesoro del tempio che aveva rubato una coppa e disse: «I grandi ladri trascinano via il piccolo ladro». Un'altra volta vide un giovinetto che scagliava sassi su una croce e disse: «Bene, raggiungerai la mèta» (la forca). A dei giovinetti che lo circondavano e dicevano; «Badiamo a non lasciarci mordere», replicò: «Coraggio, ragazzi, un cane non mangia bietole». 85* Ad uno che si pavoneggiava in una pelle di leone, disse: «Smetti di disonorare la veste della virtù». 86* A chi riteneva beato Callistene 87* perché godeva della sontuosa magnificenza di Alessandro, replicò: «È certo infelice, perché fa la colazione e il pranzo quando fa comodo ad Alessandro».