Transcription of VIII,53it
[53] Σάτυρος δ' ἐν τοῖς Βίοις (FHG III. 162) φησὶν ὅτι Ἐμπεδοκλῆς υἱὸς μὲν ἦν Ἐξαινέτου, κατέλιπε δὲ καὶ αὐτὸς υἱὸν Ἐξαίνετον˙ ἐπί τε τῆς αὐτῆς Ὀλυμπιάδος τὸν μὲν ἵππῳ κέλητι νενικηκέναι, τὸν δ' υἱὸν αὐτοῦ πάλῃ ἤ, ὡς Ἡρακλείδης ἐν τῇ Ἐπιτομῇ (FHG III. 169), δρόμῳ.
ἐγὼ δ' εὗρον ἐν τοῖς Ὑπομνήμασι Φαβωρίνου
(FHG III. 578) ὅτι καὶ βοῦν ἔθυσε τοῖς θεωροῖς ὁ Ἐμπεδοκλῆς ἐκ μέλιτος καὶ ἀλφίτων, καὶ ἀδελφὸν ἔσχε Καλλικρατίδην. Τηλαύγης δ' ὁ Πυθαγόρου παῖς ἐν τῇ πρὸς Φιλόλαον ἐπιστολῇ φησι τὸν Ἐμπεδοκλέα Ἀρχινόμου εἶναι υἱόν.
[53] Satiro 135* però nelle Vite dice che Empedocle era figlio di Esseneto e che egli pure lasciò un figlio, Esseneto, e che nella stessa Olimpiade Empedocle stesso vinse col celete, il figlio nella lotta 136* o, come dice Eraclide 137* nell'Epitome, nella corsa.
Nelle Memorie di Favorino 138* trovai che Empedocle sacrificò ai teori 139* un bue di miele e di farina, e che ebbe un fratello di nome Callicratide. Telauge, figlio di Pitagora, nell'epistola a Filolao, dice che Empedocle era figlio di Archinomo.