Transcription of 12-A,19
12 A 19. SIMPLIC. de cael. 471, 1. Queste cose, dunque, egli dice [ARISTOT. de cael. B 2. 291 a 29] «bisogna esaminarle sulla base di quanto s'è detto a proposito dell'astronomia». Lì, infatti, si è parlato della posizione delle stelle vaganti, delle loro grandezze e distanze. Anassimandro per primo ha trovato il rapporto tra grandezze e distanze, come riferisce Eudemo [fr. 95 Spengel = 146 Wehrli], che attribuisce ai Pitagorici di averne per primi fissata la posizione. La grandezza e la distanza del sole e della luna sono state conosciute finora prendendo le eclissi come punto di partenza dell'esame ed era naturale che Anassimandro avesse fatto questa scoperta confrontando il passaggio di Ermes e di Afrodite davanti a loro. 12 A 19. SIMPLIC. de caelo 471, 1 ταῦτα οὖν, φησίν [ARIST. de cael. 291 a 29] "ἐκ τῶν περὶ [I 86. 35] ἀστρολογίαν θεωρείσθω". καὶ γὰρ ἐκεῖ περὶ τῆς τάξεως τῶν πλανωμένων καὶ περὶ μεγεθῶν καὶ ἀποστημάτων ἀποδέδεικται Ἀναξιμάνδρου πρώτου τὸν περὶ μεγεθῶν καὶ ἀποστημάτων λόγον εὑρηκότος, ὡς Εὔδημος [fr. 95 Sp.] ἱστορεῖ τὴν τῆς θέσεως τάξιν εἰς τοὺς Πυθαγορείους πρώτους ἀναφέρων. τὰ δὲ μεγέθη καὶ τὰ ἀποστήματα ἡλίου καὶ σελήνης μέχρι νῦν ἔγνωσται ἀπὸ τῶν ἐκλείψεων τὴν ἀφορμὴν [I 86. 40] τῆς καταλήψεως λαβόντα, καὶ εἰκὸς ἦν ταῦτα καὶ τὸν Ἀναξίμανδρον εὑρηκέναι, καὶ Ἑρμοῦ δὲ καὶ Ἀφροδίτης ἀπὸ τῆς πρὸς τούτους μεταπαραβολῆς.