Transcription of 12-A,27
21 A 27. ARISTOT. meteor. B 1. 353 b 6. Dicono3* che dapprima tutta la zona intorno alla terra era umida, ma poi fu seccata dal sole e la parte evaporata dicono che produsse i venti, le rivoluzioni del sole e della luna, mentre quella che rimase fu il mare: perciò essi pensano che il mare diventi sempre più piccolo e che alla fine sarà tutto secco. ALEX. meteor. 67, 3. Alcuni di loro ritengono che il mare sia il residuo della umidità originaria: infatti la zona intorno alla terra era umida e poi una parte di questa umidità evaporò sotto l'azione del sole e ne vennero i venti e le rotazioni del sole e della luna, come se anche questi compissero le loro rivoluzioni a causa di tali vapori ed esalazioni e si volgessero in quei luoghi dove ce n'è in abbondanza. Quel che di tale umidità è rimasto nelle zone cave della terra è mare: perciò diventa sempre più piccolo, disseccato di continuo dal sole e alla fine sarà del tutto asciutto. Di quest'opinione erano Anassimandro e Diogene, a quanto attesta Teofrasto [phys. opin. fr. 23; Dox. 494]. AËT. III 16, 1 [Dox. 381]. Anassimandro dice che il mare è il resto dell'umidità originaria di cui la maggior parte ha disseccato il fuoco, mentre la parte rimasta s'è mutata per l'ebollizione [in acqua salata]. 21 A 27. ARIST. Meteor. B 1. 353 b 6 εἶναι γὰρ τὸ πρῶτον ὑγρὸν ἅπαντα τὸν περὶ τὴν γῆν τόπον, ὑπὸ δὲ τοῦ ἡλίου ξηραινόμενον τὸ μὲν διατμίσαν πνεύματα καὶ τροπὰς ἡλίου καὶ σελήνης φασὶ ποιεῖν, τὸ δὲ λειφθὲν θάλατταν εἶναι˙ διὸ καὶ ἐλάττω [I 88. 10 App.] γίνεσθαι ξηραινομένην οἴονται καὶ τέλος ἔσεσθαί ποτε πᾶσαν ξηράν. ALEX. z. d. St. 67, 3 οἱ μὲν γὰρ αὐτῶν ὑπόλειμμα λέγουσιν εἶναι τὴν θάλασσαν τῆς πρώτης ὑγρότητος˙ ὑγροῦ γὰρ ὄντος τοῦ περὶ τὴν γῆν τόπου κἄπειτα τὸ μέν τι τῆς ὑγρότητος ὑπὸ τοῦ ἡλίου ἐξατμίζεσθαι καὶ γίνεσθαι πνεύματά τε ἐξ αὐτοῦ καὶ τροπὰς ἡλίου τε καὶ σελήνης ὡς διὰ τὰς ἀτμίδας ταύτας καὶ τὰς ἀναθυμιάσεις κἀκείνων [I 88. 15] τὰς τροπὰς ποιουμένων, ἔνθα ἡ ταύτης αὐτοῖς χορηγία γίνεται, περὶ ταῦτα τρεπομένων˙ τὸ δέ τι αὐτῆς ὑπολειφθὲν ἐν τοῖς κοίλοις τῆς γῆς τόποις θάλασσαν εἶναι˙ διὸ καὶ ἐλάττω γίνεσθαι ξηραινομένην ἑκάστοτε ὑπὸ τοῦ ἡλίου καὶ τέλος ἔσεσθαί ποτε ξηράν˙ ταύτης τῆς δόξης ἐγένετο, ὡς ἱστορεῖ Θεόφραστος [Phys. opin. fr. 23; D. 494]Αναξίμανδρός τε καὶ Διογένης. AËT. III 16, 1 (D. 381) Ἀ. τὴν θάλασσάν [I 88. 20 App.] φησιν εἶναι τῆς πρώτης ὑγρασίας λείψανον, ἧς τὸ μὲν πλεῖον μέρος ἀνεξήρανε τὸ πῦρ, τὸ δὲ ὑπολειφθὲν διὰ τὴν ἔκκαυσιν μετέβαλεν.