Transcription of 13-A,1
13. ANASSIMENE

A. VITA E DOTTRINA

13 A 1. DIOG. LAERT. II 3. Anassimene, figlio di Euristrato, milesio, fu discepolo di Anassimandro: taluni dicono che lo fu pure di Parmenide. Egli affermò che principio [delle cose] è l'aria, che l'aria è infinita1* e che le stelle si muovono non sotto la terra ma intorno alla terra.
Usa un dialetto ionico semplice e non ricercato. Visse, come attesta Apollodoro [F.Gr.Hist. 244 F 66 II 1039], all'epoca della presa di Sardi e morì nella 63.a olimpiade [528-5].
Ci sono altri due Anassimene di Lampsaco, uno oratore e uno storico, il quale ultimo fu figlio della sorella dell'oratore che scrisse le imprese di Alessandro.2*

13.[3] ANAXIMENES

A. LEBEN UND LEHRE [I 90. 15 App.]

13 A 1. DIOG. II 3 Ἀναξιμένης Εὐρυστράτου Μιλήσιος ἤκουσεν Ἀναξιμάνδρου, ἔνιοι δὲ καὶ Παρμενίδου φασὶν ἀκοῦσαι αὐτόν. οὗτος ἀρχὴν ἀέρα εἶπεν καὶ τὸ ἄπειρον. κινεῖσθαι δὲ τὰ ἄστρα οὐχ ὑπὸ γῆν, ἀλλὰ περὶ γῆν.
κέχρηταί τε λέξει Ἰάδι ἁπλῆι καὶ ἀπερίττωι. καὶ γεγένηται μέν, καθά φησιν
[I 90. 20 App.] Ἀπολλόδωρος [F.Gr.Hist. 244 F 66 II 1039], περὶ τὴν Σάρδεων ἅλωσιν, ἐτελεύτησε δὲ τῆι ἑξηκοστῆι τρίτηι ὀλυμπιάδι [528/5].
[I 91. 1] γεγόνασι δὲ καὶ ἄλλοι δύο Λαμψακηνοί, ῥήτωρ καὶ ἱστορικός, ὃς ἀδελφῆς υἱὸς ἦν τοῦ ῥήτορος τοῦ τὰς Ἀλεξάνδρου πράξεις γεγραφότος. Folgen zwei gefälschte Briefe an Pythagoras.