Transcription of 13-A,14a
13 A 14 a. PLIN. nat. hist. II 186. Così avviene che per il diverso crescere della luce il giorno più lungo dell'anno a Meroe sia di 12 ore equinoziali e di otto parti di ora, ad Alessandria di 13 ore, in Italia di 15, in Britannia di 17 ... PLIN. nat. hist. II 187. Un tale esame dell'ombra per calcolare il tempo e la cosiddetta scienza gnomonica la scoprì Anassimene di Mileto, discepolo di quell'Anassimandro di cui abbiamo parlato, e fu lui che per primo mostrò a Sparta l'orologio che si chiama «scioterico».4* 13 A 14 a. PLIN. N. H. II 186 sic fit ut vario lucis incremento in Meroe longissimus [I 93. 35] dies XII horas aequinoctialis et octo partis unius horae colligat, Alexandriae vero XIIII horas, in Italia XV, in Britannia XVII ... PLIN. N. H. II 187 umbrarum hanc rationem et quam vocant gnomonicen invenit A. Milesius, Anaximandri, de quo diximus (12 A 5), discipulus, primusque horologium quod appellant sciothericon Lacedaemone ostendit. Vgl. ob. I 81, 13.