Transcription of 13-A,20
13 A 20. AËT. III 10, 3 [Dox. 377]. Anassimene [dice che la terra] ha la forma di una tavola. ARISTOT. de cael. B 13. 294 b 13. Anassimene, Anassagora e Democrito dicono che il motivo della stabilità della terra è la sua forma piatta, perché essa non taglia l'aria sottostante ma la suggella a guisa di coperchio, come si vede che fanno i corpi di forma piatta, i quali sono difficilmente scossi dai venti per la resistenza che oppongono. La stessa cosa farebbe la terra di fronte all'aria sottostante per la sua piattezza e l'aria, non avendo spazio sufficiente per spostarsi, rimane ferma di sotto tutta raccolta, come l'acqua nelle clessidre. AËT. III 15, 8 [Dox. 380]. Anassimene [dice che la terra] per la sua forma piatta si sostiene sull'aria. 13 A 20. AËT. III 10, 3 (D. 377) Ἀ. τραπεζοειδῆ [nämlich τὴν γῆν]. ARIST. de cael. B 13. 294 b 13 Ἀ. δὲ καὶ Ἀναξαγόρας καὶ Δημόκριτος τὸ πλάτος αἴτιον εἶναί φασι τοῦ μένειν αὐτήν˙ οὐ γὰρ τέμνειν, ἀλλ' ἐπιπωματίζειν τὸν ἀέρα τὸν κάτωθεν, [I 94. 25 App.] ὅπερ φαίνεται τὰ πλάτος ἔχοντα τῶν σωμάτων ποιεῖν˙ ταῦτα γὰρ καὶ πρὸς τοὺς ἀνέμους ἔχει δυσκινήτως διὰ τὴν ἀντέρεισιν. ταὐτὸ δὴ τοῦτο ποιεῖν τῶι πλάτει φασὶ τὴν γῆν πρὸς τὸν ὑποκείμενον ἀέρα. τὸν δ' οὐκ ἔχοντα τοῦ μεταστῆναι τόπον ἱκανὸν ἀθρόον τῶι κάτωθεν ἠρεμεῖν, ὥσπερ τὸ ἐν ταῖς κλεψύδραις ὕδωρ. AËT. III 15, 8 (D. 380) Ἀ. διὰ τὸ πλάτος ἐποχεῖσθαι τῶι ἀέρι.