Transcription of 25-A,1
25. ICCO
25 A 1. PLAT. Protag. 316 D. Io dico che l'arte dei sofisti è antica, e che gli antichi che l'esercitavano mettevano innanzi, per rimaner celati e così sfuggire all'odio ch'essa ingenerava, chi la poesia, come Omero ed Esiodo e Simonide, chi i misteri e gli oracoli, come Orfeo e Museo o i loro seguaci, e alcuni anche, io so, la ginnastica, come Icco di Taranto e quel sofista che ancor oggi non è inferiore a nessuno, Erodico di Selimbria.
25 [15]. IKKOS [I 216. 10]

25 A 1. PLAT. Protag. 316 D ἐγὼ δὲ τὴν σοφιστικὴν τέχνην φημὶ μὲν εἶναι παλαιάν, τοὺς δὲ μεταχειριζομένους αὐτὴν τῶν παλαιῶν ἀνδρῶν φοβουμένους τὸ ἐπαχθὲς αὐτῆς πρόσχημα ποιεῖσθαι καὶ προκαλύπτεσθαι, τοὺς μὲν ποίησιν οἷον Ὅμηρόν τε καὶ Ἡσίοδον καὶ Σιμωνίδην, τοὺς δὲ αὖ τελετάς τε καὶ χρησμωιδίας τοὺς ἀμφί [I 216. 15] τε Ὀρφέα καὶ Μουσαῖον, ἐνίους δέ τινας ἤισθημαι καὶ γυμναστικὴν οἷον Ἴκκος τε ὁ Ταραντῖνος καὶ ὁ νῦν ἔτι ὢν οὐδενὸς ἥττων σοφιστὴς Ἡρόδικος ὁ Σηλυμβριανός.