Transcription of 42-A,2
42 A 2. ARISTOT. eth. Eud. H 14. 1247 a 17. Come esperto di geometria Ippocrate era valente, ma per il resto dà l'impressione di essere stato pigro e sciocco, e perse molto denaro a causa della sua scempiaggine, come dicono, durante un viaggio per mare per opera degli esattori di Bisanzio. PLUTARCH. Sol. 2 [= 11 A 11. Cfr. cap. 18, 4]. PHILOP. phys. 31, 3. Un tale Ippocrate di Chio, commerciante, essendo incappato in una nave pirata e avendo perso tutti i suoi beni, venne ad Atene per intentare un processo ai pirati e trattenendosi a lungo in Atene per il giudizio, cominciò a frequentare i filosofi e giunse a tal punto di abilità nella geometria, da tentare di trovare la quadratura del cerchio. 42 A 2. ARISTOT. EUDEM. Eth. H 14. 1247a 17 [I 395. 25] οἷον Ἱ. γεωμετρικὸς ὢν ἀλλὰ περὶ τὰ ἄλλα δοκεῖ βλὰξ καὶ ἄφρων εἶναι καὶ πολὺ χρυσίον πλέων ἀπώλεσεν ὑπὸ τῶν ἐν Βυζαντίωι πεντηκοστολόγων δι' εὐήθειαν, ὡς λέγουσιν. PLUT. Sol. 2 (s. I 76, 16. 108, 12). PHILOP. in Phys. 31, 3 Ἱ. Χῖός τις ὢν ἔμπορος ληιστρικῆι νηὶ περιπεσὼν καὶ πάντα ἀπολέσας ἦλθεν Ἀθήναζε γραψόμενος τοὺς ληιστάς, καὶ πολὺν παραμένων [I 395. 30 App.] ἐν Ἀθήναις διὰ τὴν γραφὴν χρόνον ἐφοίτησεν εἰς φιλοσόφους καὶ εἰς τοσοῦτον ἕξεως γεωμετρικῆς ἦλθεν, ὡς ἐπιχειρῆσαι εὑρεῖν τὸν κύκλου τετραγωνισμόν.