Transcription of 44-A,29
44 A 29. SEXT. EMP. adv. math. VII 92. I Pitagorici dicono che [guida è] la ragione: non la ragione in qualunque sua forma, ma quella che pone i fondamenti nella matematica. Così anche Filolao diceva che la ragione, contemplando la natura dell'universo, è affine ad essa, perché il simile è compreso dal simile [segue 31 B 109]. 44 A 29. SEXT. adv. math. VII 92 [I 406. 15] οἱ δὲ Πυθαγορικοὶ τὸν λόγον μέν φασιν [näml. κριτήριον εἶναι], οὐ κοινῶς δέ, τὸν δὲ ἀπὸ τῶν μαθημάτων περιγινόμενον, καθάπερ ἔλεγε καὶ ὁ Φ., θεωρητικόν τε ὄντα τῆς τῶν ὅλων φύσεως ἔχειν τινὰ συγγένειαν πρὸς ταύτην, ἐπείπερ ὑπὸ τοῦ ὁμοίου τὸ ὅμοιον καταλαμβάνεσθαι πέφυκεν. (folgt. 31 B 109).