Transcription of 44-A,5
44 A 5. DIOG. LAERT. III 6. Platone, che aveva allora ventotto anni, secondo che dice Ermodoro, passò a Megara, ove fu accolto da Euclide, con alcuni altri discepoli di Socrate. Poi andò a Cirene dal matematico Teodoro, e di lì passò in Italia dai pitagorici Filolao ed Eurito. G CICER. de rep. I 16, 10. Io credo che tu sappia, o Tuberone, che Platone, dopo la morte di Socrate, andò, per imparare, in Egitto, e poi in Italia e in Sicilia per apprendervi le scoperte di Pitagora; e che visse a lungo con Archita di Taranto e Timeo di Locri; e che trovò gli scritti di Filolao. / 44 A 5. DIOG. III 6 (Platon) ἔπειτα γενόμενος ὀκτὼ καὶ εἴκοσιν ἐτῶν, καθά φησιν Ἑρμόδωρος, εἰς Μέγαρα πρὸς Εὐκλείδην σὺν καὶ ἄλλοις τισὶ Σωκρατικοῖς ὑπεχώρησεν. ἔπειτα εἰς Κυρήνην ἀπῆλθε πρὸς Θεόδωρον τὸν μαθηματικόν, κἀκεῖθεν [I 399. 15] εἰς Ἰταλίαν πρὸς τοὺς Πυθαγορικοὺς Φιλόλαον καὶ Εὔρυτον. G CICER. de rep. I 16, 10. sed audisse te credo Tubero, Platonem Socrate mortuo primum in Aegyptum discendi causa, post in Italiam et in Siciliam contendisse, ut Pythagorae inventa perdisceret, eumque et cum Archyta Tarentino et cum Timaeo Locro multum fuisse et Philolai commentarios esse nanctum. /