Transcription of 48-A,4
48 A 4. DIOG. LAERT. VIII 80-1 [lettera di Archita a Platone, cfr. 47 A 1].
Sono contento che tu sia guarito. Della tua guarigione ho saputo dalla tua lettera e da Lamisco. Delle Note che mi chiedi mi sondato cura, e sono andato in Lucania, dove ho incontrato i discendenti di Ocello. Quello che egli scrisse sulla legge, sul regno, sulla pietà e sulla genesi del tutto, l'ho avuto e te lo mando. Il resto non l'ho potuto trovare; se lo troverò, te lo manderò.

Così Archita. Platone gli rispose così:

Platone saluta Archita. (81) Ho ricevuto con grandissimo piacere le Note che mi hai mandate, e ne ho ammirato moltissimo l'autore, che mi è sembrato degno di quei suoi antichi progenitori.. Si dice che fossero Mirei, parte dei Troiani emigrati al tempo di Laomedonte, uomini dabbene, secondo la tradizione2*.

48 A 4. DIOG. VIII 80-1 [gefälschter Brief d. Archytas an Platon, vgl. 47 A 1, I 421, 26] καλῶς ποιεῖς ὅτι ἀποπέφευγας ἐκ τᾶς ἀρρωστίας. ταῦτα γὰρ αὐτός τυ ἐπέσταλκας καὶ τοὶ περὶ Λαμίσκον ἀπάγγελον. περὶ δὲ τῶν ὑπομνημάτων [I 440. 20 App.] ἐπεμελήθημες καὶ ἀνήλθομες ὡς Λευκανὼς καὶ ἐνετύχομες τοῖς Ὀκκέλω ἐκγόνοις. τὰ μὲν ὦν Περὶ νόμω καὶ Βασιληίας καὶ Ὁσιότατος καὶ τᾶς τῶ παντὸς γενέσιος αὐτοί τε ἔχομες καὶ τὶν ἀπεστάλκαμες . . . (81) Antwort Platons: τὰ μὲν παρὰ σοῦ ἐλθόντα ὑπομνήματα θαυμαστῶς ἄσμενοί τε ἐλάβομεν καὶ τοῦ γράψαντος αὐτὰ ἠγάσθημεν ὡς ἔνι μάλιστα, καὶ ἔδοξεν ἡμῖν ἁνὴρ ἄξιος ἐκείνων τῶν παλαιῶν [I 440. 25] προγόνων. λέγονται γὰρ δὴ οἱ ἄνδρες οὗτοι Μυραῖοι εἶναι (οὗτοι δ' ἦσαν τῶν ἐπὶ Λαομέδοντος ἐξαναστάντων Τρώων), ἄνδρες ἀγαθοί, ὡς ὁ παραδεδομένος μῦθος δηλοῖ . . .