Transcription of 59-A,102
59 A 102. ARISTOT. de part. anim. Δ 10. 687 a 7. Anassagora dice che l'uomo è il più sapiente dei viventi perché ha le mani - ma è ragionevole dire che ha le mani perché è il più sapiente. Le mani, in effetti, sono uno strumento e la natura, come un uomo sapiente, dà ogni cosa a chi può usarla. G GALEN. de usu part. III 5 Kühn. Come l'uomo è il più sapiente dei viventi, così anche possiede le mani che sono strumenti adatti a una creatura sapiente. Non perché ebbe le mani è il più sapiente, come dice Anassagora, ma in quanto era il più sapiente ricevette le mani, come afferma Aristotele, dando un giudizio esatto della questione. / 59 A 102. ARISTOT. de partt. anim. Δ 10. 687 a 7 [II 30. 5] Ἀ. μὲν οὖν φησι διὰ τὸ χεῖρας ἔχειν φρονιμώτατον εἶναι τῶν ζώιων ἄνθρωπον˙ εὔλογον δὲ διὰ τὸ φρονιμώτατον εἶναι χεῖρας λαμβάνειν. αἱ μὲν γὰρ χεῖρες ὄργανόν εἰσιν, ἡ δὲ φύσις ἀεὶ διανέμει καθάπερ ἄνθρωπος φρόνιμος ἕκαστον τῶι δυναμένωι χρῆσθαι. Vgl. Gal. d. usu partt. I 3 (III 5 Kühn I 4, 3 Helmr.), B 21 und c. 61, 6. G GALEN. de usu part. III 5 Kühn. Οὕτω μὲν σοφώτατον τῶν ζῴων ἄνθρωπος, οὕτω δὲ καὶ χεῖρες ὄργανα πρέποντα ζῴῳ σοφῷ. οὐ γὰρ ὅτι χεῖρας ἔσχε, διὰ τοῦτο σοφώτατον, ὡς Ἀναξαγόρας ἔλεγεν, ἀλλ' ὅτι σοφώτατον ἦν, διὰ τοῦτο χεῖρας ἔσχεν, ὡς Ἀριστοτέλης φησὶν ὀρθότατα γιγνώσκων. /