Transcription of 79-A,1

C. ANTICA SOFISTICA

79. NOME E CONCETTO 1*

79 A 1. ARISTID. or. 46 [II 407 Dindorf]. A me pare che costoro non conoscano non solo l'origine, ma neppure il significato e il valore della parola filosofia presso i Greci, né, in via assoluta, che abbiano alcun'altra nozione relativa a questo argomento. Erodoto non ha chiamato sofista Solone [I 29] e poi ancora Pitagora [VI 95]? non dà Androzione [scolaro d'Isocrate; F.Gr.Hist. 321 F 69]2* ai sette l'appellativo di sofisti, intendo dire i sette sapienti, e non chiama poi sofista anche Socrate, il celebre Socrate? a sua volta Isocrate non chiama sofisti gli eristici e, come direbbero loro, i dialettici [13, 1],3* mentre poi dice filosofo se stesso e filosofi gli oratori e quanti fan professione di politica? Non altrimenti usano questi termini alcuni suoi contemporanei. Lisia4* [fr. 281 O. A. II 219 a 9] non chiama sofista tanto Platone che Eschine? Si potrebbe obbiettare che per quest'ultimo è in risposta a un'accusa. Ma nessuna intenzione d'accusa c'è negli altri verso quelli che tuttavia danno loro il medesimo appellativo. Di più, se anche fosse lecito chiamar Platone sofista in senso di accusa, ai sofisti che nome si dovrebbe dare? Ma io credo piuttosto che la parola sofista fosse semplicemente un epiteto generico, e che per filosofia s'intendesse una specie di buon gusto e passione per l'arte del ragionare, e non un indirizzo specifico come è oggi,5* ma solo cultura in generale... certo, Platone sempre, più o meno, dà addosso al sofista; e se c'è uno che soprattutto si dimostra avverso a tal nome, mi par proprio lui... tuttavia, si sa come a questa parola egli abbia anche dato un valore di massimo elogio; infatti, quell'essere che egli concepisce come dio sapientissimo e sede dell'assoluta verità, lo ha chiamato in un luogo «perfetto sofista» [Cratyl. 403 E].

C. ÄLTERE SOPHISTIK [II 252. 1 App.]
79 [73b]. NAME UND BEGRIFF

79 A 1. ARISTID. 46 (II 407 Dind.) ἀρχὴν δὲ οὐδ' εἰδέναι μοι δοκοῦσιν οὐδ' αὐτὸ τοὔνομα τῆς φιλοσοφίας ὅπως εἶχε τοῖς Ἕλλησι καὶ ὅτι ἠδύνατο οὐδ' [II 252. 5App.] ὅλως τῶν περὶ ταῦτ' οὐδέν. οὐχ Ἡρόδοτος Σόλωνα σοφιστὴν κέκληκεν [I 29], οὐ Πυθαγόραν [VI 95; s. oben I 97, 10] πάλιν, οὐκ Ἀνδροτίων [F.Gr.Hist. 321 F 69] τοὺς ἑπτὰ σοφιστὰς προσείρηκε, λέγων δὴ τοὺς σοφοὺς, καὶ πάλιν αὖ Σωκράτη σοφιστὴν τοῦτον τὸν πάνυ; αὖθις δ' Ἰσοκράτης σοφιστὰς μὲν τοὺς περὶ τὴν ἔριν καὶ τοὺς, ὡς ἂν αὐτοὶ φαῖεν, διαλεκτικοὺς [13, 1], φιλόσοφον δ' ἑαυτὸν καὶ τοὺς ῥήτορας [II 252. 10] καὶ τοὺς περὶ τὴν πολιτικὴν ἕξιν φιλοσόφους; ὡσαύτως δὲ καὶ τῶν τούτῳ συγγενομένων ὀνομάζουσί τινες. οὐ Λυσίας [fr. 281 O. A. II 219 a 9] Πλάτωνα σοφιστὴν καλεῖ καὶ πάλιν Αἰσχίνην; κατηγορῶν οὗτός γε, φαίη τις ἄν. ἀλλ' οὐχ οἵ γε ἄλλοι κατηγοροῦντες ἐκείνων τῶν ἄλλων ὅμως ταυτὸν τοῦτο προσειρήκασιν αὐτούς. ἔτι δ' εἰ καὶ Πλάτωνος ἐξῆν κατηγοροῦντα σοφιστὴν προσειπεῖν, τί τούτους γ' ἂν [II 252. 15] εἴποι τις; ἀλλ' οἶμαι καὶ σοφιστὴς ἐπιεικῶς κοινὸν ἦν ὄνομα καὶ ἡ φιλοσοφία τοῦτ' ἠδύνατο, φιλοκαλία τις εἶναι καὶ διατριβὴ περὶ λόγους, καὶ οὐχ ὁ νῦν τρόπος οὗτος, ἀλλὰ παιδεία κοινῶς . . . καὶ τὸν σοφιστὴν δοκεῖ μέν πως κακίζειν ἀεὶ, καὶ ὅ γε δὴ μάλιστα ἐπαναστὰς τῷ ὀνόματι Πλάτων εἶναί μοι δοκεῖ. αἴτιον δὲ τούτου καὶ τῶν πολλῶν αὐτὸν καὶ τῶν κατ' αὐτὸν ὑπερφρονῆσαι. φαίνεται δὲ καὶ ταύτηι [II 252. 20 App.] εἰς ἅπασαν εὐφημίαν τῇ προσηγορίᾳ κεχρημένος. ὃν γοῦν ἀξιοῖ σοφώτατον εἶναι θεὸν καὶ παρ' ᾧ πᾶν εἶναι τἀληθὲς, τοῦτον δή που τέλεον σοφιστὴν κέκληκεν [Cratyl. 403 E].