Transcription of 80-A,8
80 A 8. PLAT. Men. 91 d. [Socrate ad Anito:] - Io so d'un uomo, Protagora, che ha guadagnato lui solo più danari con questa scienza [la sofistica], che non Fidia, le cui belle opere son così celebri, e dieci altri scultori insieme... PLAT. Men. 91 E. Ma intanto, di Protagora, nessuno in tutta quanta la Grecia s'è accorto che guastava i discepoli e li rimandava peggiori di come li aveva ricevuti: e questo, per più di quarant'anni! Perché credo sia morto quasi a settanta, e abbia esercitato l'arte per quaranta. E in tutto questo tempo fino ad oggi la sua celebrità non è mai venuta meno. 80 A 8. PLAT. Meno 91 D οἶδα γὰρ ἄνδρα ἕνα Πρωταγόραν πλείω χρήματα κτησάμενον ἀπὸ ταύτης τῆς σοφίας ἢ Φειδίαν τε, ὃς οὕτως περιφανῶς καλὰ ἔργα [II 257. 5 App.] ἠργάζετο, καὶ ἄλλους δέκα τῶν ἀνδριαντοποιῶν . . . PLAT. Meno 91 E Πρωταγόρας δὲ ἄρα ὅλην τὴν Ἑλλάδα ἐλάνθανεν διαφθείρων τοὺς συγγιγνομένους καὶ μοχθηροτέρους ἀποπέμπων ἢ παρελάμβανεν πλεῖν ἢ τετταράκοντα ἔτη. οἶμαι γὰρ αὐτὸν ἀποθανεῖν ἐγγὺς καὶ ἑβδομήκοντα ἔτη γεγονότα, τετταράκοντα δὲ ἐν τῆι τέχνηι ὄντα. καὶ ἐν ἅπαντι τῶι χρόνωι τούτωι ἔτι εἰς τὴν ἡμέραν ταυτηνὶ εὐδοκιμῶν οὐδὲν πέπαυται.