Transcription of 82-A,13
82 A 13. PLIN. nat. hist. VII 156. È fuor di dubbio che Gorgia di Sicilia visse 108 anni. [LUCIAN.] macrob. 23. Degli oratori, Gorgia, che alcuni chiamano sofista, visse 108 anni; morì perché si astenne dal cibo; si dice che, interrogato sulla causa della sua prolungata e sana vecchiezza, nel pieno possesso dei sensi, abbia risposto: «Per non essermi mai abbandonato alle gozzoviglie degli altri». Cfr. CENSORIN. de d. nat. 15, 3. G Anche Democrito di Abdera e l'oratore Isocrate si dice sian giunti quasi all'età di Gorgia da Leontini, che si sa fu il più vecchio di tutti gli antichi, e visse 108 anni. / 82 A 13. PLIN. N. H. VII 156 indubitatum est Gorgian Siculum centum et octo vixisse. [LUC.] Macrob. 23 ῥητόρων δὲ Γ., ὅν τινες σοφιστὴν καλοῦσιν, ἔτη ἑκατὸν ὀκτώ˙ τροφῆς δὲ ἀποσχόμενος ἐτελεύτησεν˙ ὅν φασιν ἐρωτηθέντα τὴν αἰτίαν τοῦ μακροῦ γήρως καὶ ὑγιεινοῦ ἐν πάσαις ταῖς αἰσθήσεσιν εἰπεῖν διὰ τὸ [II 275. 25] μηδέποτε συμπεριενεχθῆναι ταῖς ἄλλων εὐωχίαις. Vgl. CENSOR. 15, 3 oben II 85, 18. G Vgl. Democritum quoque Abderiten et Isocraten rhetorem ferunt prope ad id aetatis pervenisse quo Gorgian Leontinum, quem omnium veterum maxime senem fuisse et octo supra centum annos habuisse constat. /