Transcription of 82-A,18
82 A 18. ISOCR. 15, 155 sg. Chi guadagnò più di tutti [i Sofisti], tra quanti se ne ricordano, fu Gorgia da Leontini. Questi, vissuto in Tessaglia quando i Tessali erano i più benestanti dei Greci, avendo poi avuto una lunghissima vita, tutta dedicata a questa attività rimunerativa (156) senza mai dimora stabile in alcuna città, senza spese per cose pubbliche, senza obbligo di tasse, e per di più senza moglie e senza figliuoli, e perciò esente anche da questo carico, di tutti il più duraturo e dispendioso; nonostante avesse tanti vantaggi per essere ricco più degli altri, lasciò solo mille statèri.24* 82 A 18. ISOCR. 15, 155 f. [II 276. 10 App.] ὁ δὲ πλεῖστα κτησάμενος, ὧν ἡμεῖς μνημονεύομεν, Γ. ὁ Λεοντῖνος, οὗτος διατρίψας μὲν περὶ Θετταλίαν, ὅτ' εὐδαιμονέστατοι τῶν Ἑλλήνων ἧσαν, πλεῖστον δὲ χρόνον καὶ βιοὺς καὶ περὶ τὸν χρηματισμὸν τοῦτον γενόμενος, (156) πόλιν δ' οὐδεμίαν καταπαγίως οἰκήσας οὐδὲ περὶ τὰ κοινὰ δαπανηθεὶς οὐδ' εἰσφορὰν εἰσενεγκεῖν ἀναγκασθείς, ἔτι δὲ πρὸς τούτοις οὔτε γυναῖκα [II 276. 15] γήμας οὔτε παῖδας ποιησάμενος, ἀλλ' ἀτελὴς γενόμενος καὶ ταύτης τῆς ληιτουργίας τῆς ἐνδελεχεστάτης καὶ πολυτελεστάτης, τοσοῦτον προλαβὼν πρὸς τὸ πλείω κτήσασθαι τῶν ἄλλων, χιλίους μόνους στατῆρας κατέλιπεν.