Transcription of 82-A,21
82 A 21. PLAT. Men. 95 C. [Menone] O Socrate, di Gorgia questo soprattutto mi piace, che non ti capiterà mai di sentirgli fare una promessa simile [cioè di esser maestro di virtù], anzi canzona gli altri, quando li sente promettere. Egli crede invece che è necessario formare buoni parlatori. 82 A 21. PLATO Meno 95 C Γοργίου μάλιστα, ὦ Σώκρατες, ταῦτα ἄγαμαι, ὅτι οὐκ ἄν [II 277. 10 App.] ποτε αὐτοῦ τοῦτο ἀκούσαις ὑπισχνουμένου [διδάσκαλον εἶναι ἀρετῆς], ἀλλὰ καὶ τῶν ἄλλων καταγελᾶι, ὅταν ἀκούσηι ὑπισχνουμένων˙ ἀλλὰ λέγειν οἴεται δεῖν ποιεῖν δεινούς.