Transcription of 82-A,32
82 A 32. CICER. orat. 52, 175. Introdusse l'uso del ritmo Trasimaco, del quale tutto quel che resta è scritto anche troppo ritmicamente... Fu Gorgia a metter in moda le parisosi, le rime, le antitesi, che da sé, anche senza volerlo, hanno cadenza ritmica; ma ne fece un uso eccessivo... (176) Gorgia ha più tendenza per quel genere oratorio, e con più intemperanza abusa di quegli allettamenti (ché tali li ritiene); mentre Isocrate, pur essendo stato da giovane discepolo di Gorgia già vecchio, in Tessaglia, ne fece un uso più moderato. DIONYS. Isae. 19. Osservando che nessuno superava Isocrate per stile poetico e per sublimità e solennità d'espressione, mi proposi di lasciare da parte coloro che sapevo inferiori in queste qualità; quanto a Gorgia di Leontini, lo vedevo deviare dall'uso tradizionale e molto spesso cader nel puerile.33* 82 A 32. CIC. Orat. 52, 175 (Numerus) princeps inveniendi fuit Thrasymachus, cuius omnia nimis etiam extant scripta numerose. nam ... paria paribus adiuncta et similiter definita itemque contrariis relata contraria, quae sua sponte, etiamsi id non agas, cadunt plerumque numerose, G. primus invenit, [II 278. 25] sed eis usus est intemperantius ... 176 G. autem avidior est generis eius et eis festivitatibus (sic enim ipse censet) insolentius abutitur, quas Isocrates, cum tamen audisset in Thessalia adulescens senem iam Gorgiam moderatius iam temperavit. DIONYS. Isae. 19. ἐνθυμούμενος δέ, ὅτι τὴν μὲν ποιητικὴν κατασκευὴν καὶ τὸ μετέωρον δὴ τοῦτο καὶ πομπικὸν εἰρημένον οὐδεὶς [II 278. 30 App.] Ἰσοκράτους ἀμείνων ἐγένετο, παρέλιπον ἑκὼν οὓς ἤιδειν ἧττον ἐν ταῖς ἰδέαις ταύταις κατορθοῦντας, Γοργίαν μὲν τὸν Λεοντῖνον ἐκπίπτοντα τοῦ πατρίου καὶ πολλαχοῦ παιδαριώδη γιγνόμενον ὁρῶν.