Transcription of 82-A,7
82 A 7. PAUS. VI 17, 7 sgg. È dato vedere anche [la statua di] Gorgia da Leontini; afferma d'averne dedicato la statua in Olimpia Eumolpo nipote di Deicrate, il quale aveva sposato la sorella di Gorgia. (8) Gorgia era figlio di Carmantida; si dice sia stato il primo a rimettere in vigore l'esercizio dell'oratoria, trascurato del tutto e quasi caduto in oblio tra gli uomini. Anche si dice che si sia reso famoso per i suoi discorsi, sia nelle feste olimpiche, sia in quella ambasceria di cui fu capo, insieme con Tisia, presso gli Ateniesi... (9) Ma molta più gloria di Tisia raccolse presso gli Ateniesi Gorgia; sicché Giasone tiranno della Tessaglia [c. 380-70] faceva assai più conto di lui che di Policrate,16* sebbene questi non fosse degli ultimi nella scuola ateniese. Si dice che Gorgia sia vissuto più di 105 anni. PAUS. X 18, 7. [A Delfi] c'è una statua dorata dono votivo di Gorgia da Leontini, che rappresenta lui stesso [cfr. ATHEN. XI 505 D: (Dio) Corinth. 37, 28; A 1, 4]. CICER. de orat. III 32, 129. A Gorgia la Grecia tributò sì grande onore, da decretare a lui solo tra tutti una statua a Delfi, non indorata, ma d'oro. PLIN. nat. hist. XXXIII 83. Primo tra gli uomini Gorgia da Leontini pose a se stesso una statua d'oro massiccio nel tempio di Delfi, circa la 70.a17* olimpiade; tanto era il guadagno a insegnar arte oratoria! 82 A 7. PAUS. VI 17, 7ff. καὶ τὸν Λεοντῖνον Γοργίαν ἰδεῖν ἔστιν: ἀναθεῖναι δὲ [II 274. 5 App.] τὴν εἰκόνα ἐς Ὀλυμπίαν φησὶν Εὔμολπος ἀπόγονος τρίτος Δηϊκράτους συνοικήσαντος ἀδελφῆι τῆι Γοργίου˙ (8) οὗτος ὁ Γ. πατρὸς μὲν ἦν Χαρμαντίδου, λέγεται δὲ ἀνασώσασθαι μελέτην λόγων πρῶτος ἠμελημένην τε ἐς ἅπαν καὶ ἐς λήθην ὀλίγου δεῖν ἥκουσαν ἀνθρώποις. εὐδοκιμῆσαι δὲ Γοργίαν λόγων ἕνεκα ἔν τε πανηγύρει τῆι Ὀλυμπικῆι φασι καὶ ἀφικόμενον κατὰ πρεσβείαν ὁμοῦ Τεισίαι παρ' Ἀθηναίους [II 274. 10 App.] . . . (9) ἀλλά γε ἐκείνου τε ἐς πλέον τιμῆς ἀφίκετο ὁ Γ. παρὰ Ἀθηναίοις, καὶ Ἰάσων ἐν Θεσσαλίαι τυραννήσας [+ 380-70], Πολυκράτους οὐ τὰ ἔσχατα ἐνεγκαμένου διδασκαλείου τοῦ Ἀθήνησι, τούτου τοῦ ἀνδρὸς ἐπίπροσθεν αὐτὸν ὁ Ἰάσων ἐποιήσατο. βιῶναι δὲ ἔτη πέντε φασὶν ἐπὶ τοῖς ἑκατόν. PAUS. X 18, 7 [Delphi] ἐπίχρυσος δὲ εἰκὼν ἀνάθημα Γοργίου τοῦ ἐκ Λεοντίνων αὐτὸς Γ. ἐστίν [II 274. 15 App.] Vgl. ATHEN. XI 505 D: [Dio] 37, 28. CIC. de orat. III 32, 129 cui [Gorg.] tantus honos habitus est a Graecia, soli ut ex omnibus Delphis non inaurata statua, sed aurea statueretur. PLIN. N. H. XXXIII 83 hominum primus et auream statuam et solidam • LXX[?] circiter olympiade G. Leontinus Delphis in templo posuit sibi. tantus erat docendae artis oratoriae quaestus.[II 274. 20] Vgl. II 272, 3.