Transcription of 82-B,4
82 B 4. PLAT. Men. 76 A sgg. [Menone e Socrate:] - E il colore, che cosa dici che sia, Socrate? - Sei prepotente, Menone; a un vecchio imponi la briga di risponderti, mentre tu poi non vuoi darti la pena di ricordarti e di dire come definisce Gorgia la virtù... Vuoi dunque che ti risponda secondo la dottrina di Gorgia, perché tu possa meglio tenermi dietro? - Ma sì: perché no? - Non ammettete voi [Menone e Gorgia] certi effluvi dei corpi, secondo la teoria di Empedocle? [cfr. 31 A 86. 92] - Certo! - E anche i pori, in cui penetrano e attraverso cui passano gli effluvi? - Appunto. - E che, degli effluvi, alcuni corrispondono esattamente ai pori, altri invece sono minori o maggiori? - È così. - E c'è poi qualcosa che si chiama vista? - Certo. - Da ciò dunque «intendi ciò ch'io dico» diceva Pindaro [fr. 105-6 Schröder]; cioè: il colore è quell'effluvio delle cose45* che è commisurato alla vista, e per essa percepibile. - Ottima mi sembra la tua risposta, Socrate. - Forse perché è consona al tuo modo di pensare; e insieme, credo, tu comprendi come in modo analogo potresti definire anche la voce, l'odore, e molte altre cose simili. - Certamente. - Infatti, Menone, questa definizione è di stile tragico. 82 B 4. PLATO Meno 76 A ff. [Menon und Sokr.] Τὸ δὲ χρῶμα τί [II 283. 10 App.] λέγεις, ὦ Σώκρατες; - Ὑβριστής γ' εἶ, ὦ Μένων˙ ἀνδρὶ πρεσβύτηι πράγματα προστάττεις ἀποκρίνεσθαι, αὐτὸς δὲ οὐκ ἐθέλεις ἀναμνησθεὶς εἰπεῖν, ὅ τί ποτε λέγει Γ. ἀρετὴν εἶναι . . . (C) Βούλει οὖν σοι κατὰ Γοργίαν ἀποκρίνωμαι, ἧι ἂν σὺ μάλιστα ἀκολουθήσαις; - Βούλομαι˙ πῶς γὰρ οὔ; - Οὐκοῦν λέγετε [Menon und Gorgias] [II 283. 15] ἀπορροάς τινας τῶν ὄντων κατὰ Ἐμπεδοκλέα [I 307, 4]; - Σφόδρα γε. - Καὶ πόρους εἰς οὓς καὶ δι' ὧν αἱ ἀπορροαὶ πορεύονται; - Πάνυ γε. - Καὶ τῶν ἀπορροῶν τὰς μὲν 〈ἁρμόττειν〉 ἐνίοις τῶν πόρων, τὰς δὲ ἐλάττους ἢ μείζους εἶναι; - Ἔστι ταῦτα. - Οὐκοῦν καὶ ὄψιν καλεῖς τι; - Ἔγωγε. - Ἐκ τούτων δὴ 'σύνες [II 283. 20 App.] ὅ τοι λέγω', ἔφη Πίνδαρος [fr. 105/6 Schr.3]˙ ἔστιν γὰρ χρόα ἀπορροὴ χρημάτων ὄψει σύμμετρος καὶ αἰσθητός. - Ἄριστά μοι δοκεῖς, ὦ Σώκρατες, ταύτην τὴν ἀπόκρισιν εἰρηκέναι. - Ἴσως γάρ σοι κατὰ συνήθειαν εἴρηται˙ καὶ ἅμα οἶμαι ἐννοεῖς, ὅτι ἔχοις ἂν ἐξ αὐτῆς εἰπεῖν καὶ φωνήν, ὃ ἔστι καὶ ὀσμὴν καὶ ἄλλα πολλὰ τῶν [II 283. 25] τοιούτων. - Πάνυ μὲν οὖν. - Τραγικὴ γάρ ἐστιν, ὦ Μένων, ἡ ἀπόκρισις.