Transcription of 83-A,2
83 A 2. ARISTOT. phys. A 2. 185 b 25. Gli ultimi degli antichi [filosofi]3* si preoccupavano anch'essi che una stessa cosa non risultasse insieme, dal loro modo di esprimerla, uno e molti. Perciò alcuni sopprimevano la copula ' è ', come Licofrone; altri cercavano di mutar l'espressione, dicendo che l'uomo non 'è bianco' ma 'biancheggia' ... per non far sì che l'uno diventasse molti applicandogli la copula ' è '.4* 83 A 2. ARISTOT. Phys. A 2. 185 b 25 [II 307. 20 App.] ἐθορυβοῦντο δὲ καὶ οἱ ὕστεροι τῶν ἀρχαίων ὅπως μὴ ἅμα γένηται αὐτοῖς τὸ αὐτὸ ἓν καὶ πολλά. διὸ οἱ μὲν τὸ ἔστι ἀφεῖλον, ὥσπερ Λ., οἱ δὲ τὴν λέξιν μετερρύθμιζον, ὅτι ὁ ἄνθρωπος οὐ λευκός ἐστιν ἀλλὰ λελεύκωται ... ἵνα μή ποτε τὸ ἔστι προσάπτοντες πολλὰ εἶναι ποιῶσι τὸ ἕν. Vgl. PLATO Soph. 251 B. DAMASC. de princ. c. 126 II, 2 R.