Transcription of 83-A,3
83 A 3. ARISTOT. pol. Γ 9. 1280 b 8. [La città deve aver cura della virtù] altrimenti l'associazione civile è simile a un'alleanza militare,5* differente solo topograficamente da quelle formate da popoli tra loro lontani. La legge poi è una convenzione, e, come diceva il sofista Licofrone, garantisce i diritti reciproci, ma non è capace di rendere buoni e giusti i cittadini. 83 A 3. ARISTOT. Pol. Γ 9. 1280 b 8 [II 307. 25 App.] γίνεται . . ἡ κοινωνία συμμαχία τῶν ἄλλων τόπωι διαφέρουσα μόνον τῶν ἄποθεν συμμαχιῶν καὶ ὁ νόμος συνθήκη καί, καθάπερ ἔφη Λ. ὁ σοφιστής, ἐγγυητὴς ἀλλήλοις τῶν δικαίων, ἀλλ' οὐχ οἷος ποιεῖν ἀγαθοὺς καὶ δικαίους τοὺς πολίτας.