Transcription of 84-A,17
84 A 17. PLAT. Lach. 197 B. [Nicia] - Ma, mi pare, il non aver paura non è lo stesso che l'aver coraggio. Ed io credo che il coraggio unito a prudenza sia toccato ad assai pochi, mentre audacia17* e ardire e mancanza di paura unite a imprudenza, a moltissimi. PLAT. Lach. 197 D. [Socrate]- Non ribatter nulla, Lachete; ché mi pare tu non ti sia accorto come questa teoria egli [Nicia] l'ha appresa dal nostro amico Damone, e Damone somiglia molto a Prodico, il quale ha fama di esser tra i sofisti il più bravo a far di queste distinzioni di parole. 84 A 17. PLATO Lach. 197 B [II 311. 30 App.] ἀλλ', οἶμαι, τὸ ἄφοβον καὶ τὸ ἀνδρεῖον οὐ ταὐτόν ἐστιν. ἐγὼ δὲ ἀνδρείας μὲν καὶ προμηθείας πάνυ τισὶν ὀλίγοις οἶμαι μετεῖναι, θρασύτητος δὲ καὶ τόλμης καὶ τοῦ ἀφόβου μετὰ ἀπρομηθείας πάνυ πολλοῖς. Vgl. PLATO Lach. 197 D μηδέ γε εἴπηις, ὦ Λάχης˙ καὶ γάρ μοι δοκεῖς οὐδὲ ἠισθῆσθαι, ὅτι δὴ ταύτην τὴν σοφίαν παρὰ Δάμωνος τοῦ ἡμετέρου ἑταίρου παρείληφεν, ὁ δὲ Δάμων τῶι [II 311. 35 App.] Προδίκωι πολλὰ πλησιάζει, ὃς δὴ δοκεῖ τῶν σοφιστῶν κάλλιστα τὰ τοιαῦτα ὀνόματα διαιρεῖν.