Transcription of VicSN44,276[1]
— 276 —
perchè non erano della fatta dell'ultime; e perchè di
nulla sollevavano la plebe Romana, e Livio truova
pure con quelle seguir le contese, vi fa tali sue vane
riflessioni
. Finalmente, che Minerva significato avesse
Ordini Aristocratici armati, ci si appruova da Omero,
ove nella contesa narra, che Minerva con un colpo di
sasso
ferisce Marte, che noi sopra vedemmo carattere
de' plebei
, che servivano agli Eroi nelle guerre; et ove
riferisce, che Minerva vuol congiurare contro Giove; che
può convenir'all'Aristocratie; ove i Signori con occulti
consigli opprimono i loro Principi, ove n'affettano
la Tirannide; del qual tempo, e non d'altro si legge,
agli uccisori de' Tiranni essersi alzate le Statue; che se
gli supponiamo Re Monarchi essi sarebbono stati rubelli.
      Così si composero le prime Città di soli Nobili,
che vi comandavano; ma però bisognandovi, che vi
fussero anche color, che servissero; gli Eroi furono
da un senso comune d'utilità costretti di far contenta la
moltitudine
de' sollevati clienti, e mandarono loro le
prime ambasciarie, che per diritto delle genti si mandano
da' Sovrani; e le mandarono con la prima Legge
Agraria
, che nacque al Mondo, con la quale da Forti
rillasciarono a' clienti il men, che potevano, che fu
il dominio bonitario de' campi, ch'arebbon'assegnato
loro gli Eroi: e così può esser vero, che Cerere ritruovò
e le biade, e le leggi. Cotal legge fu dettata da
questo Diritto Natural delle Genti, ch'andando il
dominio di seguito alla potestà; ed avendo i Famoli la
vita precaria da essi Eroi; i quali l'avevano loro salvata
ne' lor' asili; diritto era, e ragione, ch'avessero
un dominio similmente precario; il qual'essi godessero
fin tanto, ch'agli Eroi fusse piaciuto di mantenergli
nel possesso de' campi, ch'avevano lor'assegnati.
Così convennero i Famoli a comporre le prime plebi
dell'Eroiche Città, senza avervi niuno privilegio di
Vico SN44 276