Transcription of VicSN44,41[1]
— 41 —
esse cose. Perciò gli Egizj furon'in ciò somiglianti
a' Chinesi; i quali crebbero in tanto gran nazione
chiusi a tutte le nazioni straniere, come gli Egizj lo erano
stati fin'a Psammetico, e gli Sciti fin ad Idantura; da
quali è volgar tradizione, che furono vinti gli Egizj in
pregio d'Antichità
. La qual Volgar Tradizione è necessario,
ch'avesse avuto indi motivo, onde incomincia la
Storia Universale Profana; la qual'appresso Giustino, come
Antiprincipj propone innanzi alla Monarchia degli
Assirj due potentissimi Rè, Tanai Scita, e Sesostride Egizio;
i quali finor' han fatto comparire il Mondo molto
più antico di quel, ch' è in fatti: e che per l'Oriente
prima Tanai fusse ito con un grandissimo esercito a soggiogare
l'Egitto, il qual' è per natura difficilissimo a penetrarsi
con l'armi; e che poi Sesostride con altrettante
forze si fusse portato a soggiogare la Scizia; la qual
visse sconosciuta ad essi Persiani, ch'avevano stesa la
loro Monarchia sopra quella de' Medi suoi confinanti,
fin'a' tempi di Dario detto Maggiore; il qual'intimò al
di lei Re Idantura la guerra; il qual si truova cotanto
barbaro a' tempi dell'umanissima Persia, che gli risponde
con cinque parole reali di cinque corpi, che non seppe
nemmeno scrivere per geroglifici. E questi due potentissimi
Rè attraversano con due grandissimi eserciti l'
Asia, e non la fanno Provincia o di Scizia, o d'Egitto;
e la lasciano in tanta libertà, ch'ivi poi surse la prima
Monarchia delle quattro più famose del Mondo, che
fu quella d'Assiria. Perciò forse in cotal contesa d'Antichità
non mancarono d'entrar'in mezzo i Caldei, pur
Nazione mediterranea, e, come dimostreremo, più
antica dell'altre due; i quali vanamente vantavano di
conservare le Osservazioni Astronomiche di ben ventiotto
mila anni
: che forse diede il motivo a Flavio Giuseppe
Ebreo
di credere con errore l'osservazioni Avantidiluviane
descritte nelle due Colonne
, una di marmo, ed un altra
Vico SN44 41